BENVENUTI NEI MIEI GIARDINI CHI MI VIENE A TROVARE

giovedì 13 aprile 2017

ricoprono

Ho tentato di ascoltarvi e muovermi senza ricordavi
 che avreste amato anche il mio riflesso

della mia carne dentro di voi come una piuma nell'oro
 del tramonto tentando di immedesimarmi in quegli obliqui
spasmi che ancora ricoprono l'odore dei miei respiri..


martedì 28 febbraio 2017

luna addormentata

Mi toccaste
fra le braccia
mi ascoltaste
muovendo le note piu' belle
nelle pupille del cielo

luna addormentata
luna innamorata


 

venerdì 20 gennaio 2017

note di melodie

varcando
la luna nella vastita'
l'incerto si solleva con l'eco del rimpianto

e varcando
intona fra le note di melodie
il patto reclino su queste orme
su queste ombre

 

giovedì 8 dicembre 2016

C' è



e richiamaste la mia pelle
in questo passo
fra le dita dolci del vostro amore
rese l'attimo unico
e semplice...





buon natale a tutti
che i vostri cuori siano sereni e in pace
simonetta


venerdì 7 ottobre 2016

Chele di Vomito

                                                                          
                                                                    

Ho ancora fame
in quel rifugio ho tracciato
con labbra dannate
la mia anima
sommergendo
anidride carbonica

..

Respiri
intrecciano chele di vomito

abbastanza
abbastanza
flessibile è il linguaggio
arpionato fra i denti
arricciato fra le gambe
elettrico fra gli uggiolii 
complessi orgasmi
abbandonati
fra le lenzuola


venerdì 2 settembre 2016

Aggomitolando

Ho sentito quel brivido
salire dalla bocca
alle guance per poi stringersi
odorosamente fra le narici

Breve
Lento
arrabbiato

Ho sentito quel brivido
arrovesciarsi
indumenti spavaldi
nella pelle di stanche gambe
ballerine come le stelle
su nel cielo

aggomitolando
fra le lingue di tessuto
segmenti
intrecci accalappiati
fra le palpebre di sorrisi



mercoledì 8 giugno 2016

Rapire il tuo respiro

Ho ancora bisogno di te
delle tue labbra del suono della tua voce
che l'acqua indossa mentre tutti sognano

ho ancora bisogno di te
mentre il mattino si veste di luce
e le mie lacrime chiudono i sipari
che i sogni della notte mi hanno portato
via dal tuo mondo

ho ancora bisogno di te
e non so come dirtelo
non so come poterti raggiungere
e rapire il tuo respiro



lunedì 15 febbraio 2016

Mani giornaliere

   Siete immortale
   cadavere d'amore
  fra i respiri di immondizia urbana
  Siete immortale
 con la vostra sete alle vostre spalle
 Siete dita fra i capelli
 appiccicati come squama terrestre
 al candeggiare delle albe
 nascenti nella moria di umani
 Siete buio
 nella vostra vena velata; e ira
 in quel coltello
 di mani giornaliere

 



lunedì 14 settembre 2015

haiku

ora sono qui e non mi muovo
sono fragilità ed eco




seduta attendo un rimpianto
materializzarsi fra questi astratti atimi
che le mie pupille lanciano..

giovedì 30 luglio 2015

Vulnerabilità

Iddio
Accorse
..
spense di lama
l'avambraccio
che tubolentò
cacciò l'urlo profanatore

Iddio
Accorse
...

turbato
rincorse il respiro
legato ancora alla speranza
ed al concepimento,
guado' librare
mascelle forti
e lapis di parole

Un tumulto respiro e Iddio accorse ..




martedì 5 maggio 2015

mal contento


ho pianto
con la rabbia nel fuoco di molte domande senza soluzioni...

Ho pianto
anche con il sorriso sull'anima
cercando di comprendere
la deviazione dei miei progetti
dei miei desideri
sconvolgenti sono state le tue parole
quando mi hai detto:" non adotterai un bastardo?"
ho pregato
che tu mi comprendessi invece hai infierito
con i tuoi respiri
velenosi
ho pregato
forse anche per alleggerire questo soffocamento
costretto dal destino...
Ho cercato 
la via di un chiudersi in se
placido e sereno
ma sento che non mi sarà possibile
renderlo completamente..
ho cercato di capire
di non avvelenarmi resistendo
agli insulti
alle tue provocazioni
hai tuoi ritornelli bugiardi
che riflettono un mal contento
tuo e non mio..

venerdì 20 marzo 2015

sanguigna


scelse le vostre dita
sanguigna idea
caduta fra l'epidermide
dei vostri occhi
ciglia addormentata


giovedì 9 ottobre 2014

Foglie

ossesso
                      posseduto

lirico
         nel tono

seducente
                  nel respiro


Simonetta s 



sabato 26 luglio 2014

Mondo indeciso

passi tremanti
passi guardinghi
in parole che si spezzano
in un senso antrologico
retroverso
che ritorna anche uscendo
dai quadrati angolari
dagli ottagonali in forme astratte,
c'è il ricordo vago della decisione
che combatte ogni istante
per declassare senza parlare
ciò che non digerisce
ciò non concepisce
ciò che non rispecchia la sua simbiosi
Mondo indeciso

in persone ha digiuno..


lunedì 2 giugno 2014

E' Folle


E' folle questo bisbigliare
 questo sentire nel ripetersi di schematiche onde di riflessi
ove gli occhi vi hanno parlato e i fatti vi hanno mentito..
E' folle questo bisbigliare sfacciato
contro ogni rispetto c'è la maleducazione e le lacrime di labbra silenziose
vi hanno portato l'affare del nuovo dimenticando l'insegnamenti del passato
con gli errori folli di questa nuda avidità che in volo marcia diramandosi
fra gli abissi il labirinto del vostro animo placa e agita...



sabato 17 maggio 2014

Oniricità del tempo e del mondo

              ci saranno sempre quelle personalità che non saranno d'accordo con le tue scelte
             anche se io posso rispettare i loro limiti loro non lo faranno con me...



Il tempo sembra aver dimenticato, che il pensiero non è di un solo colore ma più sfumature





Sembra che il mondo sia una forma di setta
tutti devono sempre pensarla uguale a tutti i costi e chi pensa diversamente è tagliato fuori...

ma dove siamo finiti??




mercoledì 30 aprile 2014

Chissà se il tempo lo sa che sono Triste

Chissà
 se il tempo lo sa 
che sono triste...
Per sei rimasto/a in cielo
a vegliare sulla mia anima
invece di abbracciarmi nella carne di un figlio..
Chissà
se il tempo lo sa
che sono triste e piena di lacrime che non sanno dove andare..
Per tutte le volte che ti ho pensato
e ti penso e sogno ti poterti cullare
insegnare
ridere
accompagnarti e dirti che le ombre della notte
non fanno poi così paura...
Chissà
se il tempo lo sa
che sono triste
mentre ti scorgo fra le nuvole
non comprendo il significato di tutto questo
fra le urla di un silenzio che mal sopporta
il caos caotico del mondo
e mentre tutto scorre
in quel che succede
tutto rimane fermo
come una lancetta rotta
che si muove battendo le 12,00
senza ritorno antiorario
mentre i miei occhi protesi
vorrebbero cullarti..


sabato 12 aprile 2014

Una lacrima protesa verso l'eternità

                                                     "Cosa pensavate fosse la morte?"
Un passo di danza
sul quale esser indifferenti ....

Una porta socchiusa
verso casa...

barzellettiere del quotidiano
chiacchere funeste
di una o più menti..

                                                " Cosa pensavate fosse la morte?"

Un qualcosa di irregolare 
e da cui si può scappare
da cui si può giocare ..

Tutti ne parlano
Tutti sanno e schivano
il progetto di costatazione
nella morfologia del tratto
ante orafo che la produsse
e dimentichiamo
dimentichiamo velocemente
rimpianziamo
e talvolta isoliamo
"perchè cose' la morte?"

                                                 un senso vuoto di un tempo_spazio
                                                 
Un essenza percorribile
ove mura celesti
rampicano nell'oscurità
dopo la luce
la luce dopo l'oscurità
dal quale tutto muta
e non si a più ritorno..

riflessi perpendicolari
si accettano fermi e in movimento
fra le intercapedini delle anime
girovagano a volte le si possono scorgere
nei loro tormenti...

                                                "Cosa pensavate fosse la morte?"

Una lacrima protesa verso l'eternità

Simonetta s




mercoledì 14 agosto 2013

CAPricci sparzi

                                        Perché non mi hai creduto quando ti ho guardato?
                   E' una domanda retorica se arrovesciata e svuotata del primario significato ...





Ci sono giorni nei quali cerco la giustizia e non la rabbia
ci sono giorni nei quali non mi interessa di far parola con nessuno
perché quel nessuno ( folla) si è rifiutata di rispettarmi e di accettarmi
volendo in qualche modo imporre e ritagliare gettando via parti di me
alle quali non potrei essere altro che me stessa.

Solo io riesco ad accattarvi tutti come siete senza buttare via nulla mentre dall'altra parte sempre trovo alti muri e tanti no! critiche e giudici...

Oggi si teme tanto il prossimo, da esserne prevenuti in ogni senso e in ogni attimo
procurando insulse e banali bugie...

                                            Mi domando a cosa possa servire?
   Mi domando perché rifilare sempre le medesime bugie e non dire la verità; non è che ad illuderle
   le persone si fa un salto di qualità  specie se parenti.



due post
immagini dal web

 

giovedì 11 luglio 2013

Legologia_pensiero_psichico

C'è stato un attimo dove tutto poteva cominciare
dove tutto si poteva scrivere e riaprirsi un peccato
squarciando con un solo respiro l'apocalittico suono che le pause pronunciano.

C'è stato un attimo
dove ho perseverato il vostro respiro
intagliando a sagoma ogni vostra movenza
c'è stata la speranza
in un gesto di follia
dove tutto si è cancellato nell'anticamera del cervello
asimmetricamente hai tempi di battitura; quando
avete mostrato la vostra vera natura e il senso opposto
e' diventato vero e scartare le caramelle a testa in giù
mi ha reso istintiva...

Persi la parola
Persi lo sguardo
Persi quell'attimo ove scolpisti tutte le vostre emozioni
in un grammo; ci fu rabbia usufruita di necessità
che rese al tempo il controsenso del senso

immagine dal web 

lunedì 17 giugno 2013

Riflessione

                        Finché non perdoniamo noi stessi non potremmo perdonare gli altri
 
Finché avremmo caos dentro di noi nessun equilibrio potrà
albergare nell'anima e non potremmo accettare gli altri nella nostra vita.
 


 
 

martedì 4 giugno 2013

Morfologia Strumentale

       Com'è buio qui dentro
nel profondo.....
Com'è triste la solitudine
di un sorriso rivolto alla pace
del mondo quando intorno la vita
muore e i passi si fanno stanchi ...
Assetati di morfologia strumentale
i sopravvissuti calcano gigantesche rocce
senza percepirne la voce..
Com'è difficile
riempire la brocca della vita insaziabile e incolmabile
per alcune particelle d'onore...




  "Si e' sempre consapevole del nostro essere, e che la nostra mente possa viaggiare?"

 

venerdì 24 maggio 2013

Nel Petto

Il sole sembra riprendere il suo ritmo dentro di me è sempre tutto così strano e determinato che spesso non ho più voglia di combattere contro l'ira di parole sviscerate
in orizzontale al battito e mi fermo quasi temendo di respirare ancora...

Mi dicono che sono forte qui nel petto
Mi dicono ....Mi dicono che non sentono la necessità di difendermi perché lo so fare benissimo da sola eppure mi sento fragile, fragile  e dispersa fra le onde cosce di questa vita e come quel respiro timido che nella mia anima muta e possiede e ne percepisce le vibrazioni..

A volte mi volto osservando e mi dico se mai gli altri incontrandomi e non conoscendomi osservano il volgere del mio essere su elementi improbabili indefiniti anche per me stessa..

simo